Esplora contenuti correlati

IL SINDACO RINGRAZIA 28.01.2021

28 Gennaio 2021

Questo tempo di pandemia da Covid-19, credo ci abbia posto di fronte problemi inediti, per apprezzare il mondo guardando oltre le apparenze, e di formare una coscienza matura imparando a crescere tenendo conto degli altri e soprattutto dei più deboli.
Ma consentitemi, qui, di esprimere la mia più viva riconoscenza a tutto lo Staff medico, paramedico e infermieristico che mi ha assistito durante la degenza, con un particolare saluto al Prof. Bruno Macciocchi.
Ritengo altresì opportuno rappresentare a Voi, miei cari Consiglieri, il mio più sentito ringraziamento per tutto quello che avete fatto per me, e la mia più profonda riconoscenza a Voi Tutti,
E ringrazio il Signore, che anche nelle prove più dure ti offre la gioia di conoscere il calore, la solidarietà, e l’amore di tanti concittadini, amici, parenti, conoscenti, persone vicine e lontane, che hanno voluto manifestarsi in ogni modo,
Ma Grazie mille a tutta la Comunità Cervarese, che non smetterò mai di ringraziare, per la vicinanza, l’affetto, e il bene, che mi hanno incoraggiato a superare questo dramma e a non farmi mai sentire solo.
Grazie soprattutto perché, in questo periodo di difficoltà, sono apparsi evidenti segni di solidarietà dei cittadini, nei confronti dei meno fortunati, nei confronti delle persone fragili, e per non far sentire le persone abbandonate a loro stesse.
Ma un grandissimo saluto intendo trasmetterlo in modo particolare a tutte le persone, alle famiglie e ai nostri cari concittadini che stanno affrontando con dignità questa assurda malattia, senza dimenticare le care persone che non ci sono più.
Ecco, questi esempi distintivi, hanno contribuito a far brillare un barlume di speranza, anche in tempi bui come questi, dov’è facile cadere e dov’è ancora più difficile rialzarsi.
Per questo credo che dovremmo godere di ogni attimo che abbiamo a disposizione, e a non guardare troppo al futuro, ma ad essere concentrati sul presente, perché è questo che abbiamo, pensare a ciò che possiamo fare ora…. cercare sempre, di essere, la versione migliore di noi stessi.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante in piedi

 

Condividi: